Umberto Eco

 

 

umbeco

Umberto Eco ha una posizione da teorico abbastanza appartata all’interno della semiotica italiana ma per meglio capirla è necessario capire l’evoluzione della semiotica della nostra nazione. In realtà non esiste una “semiotica italiana” se non nella didattica generale, nonostante alcuni semiologi molto importanti all’estero (ad esempio Cesare Segre, Maria Corti e Umberto Eco). Tuttavia possiamo fare un passo avanti e cercare di ricostruire il suo percorso che, in confronto ad altri nazioni, possiamo anche definire avanguardista. Infatti, stando alle parole di Maria Corti, possiamo far risalire l’inizio della semiotica in Italia al 1965 con una recensione di Aldo Rossi su “Communications IV”, esponendo una prima visione degli studi semiologici europei. Ma per capire le peculiarità della semiotica italiana è bene seguire tre direzioni: quella della stilistica, del formalismo filologico continiano e la storia della lingua italiana. La linguistica italiana, anche agli di un nostro non connazionale, sembra molto legata alla storia (nel senso di cultura) della lingua. Per quanto riguarda l’aspetto filologico Gianfranco Contini aveva trovato degli strumenti che consentivano di trovare all’interno di un’opera articolata (da considerare come “elaborato”) un sentiero con regole di strutturazione ben precise. Contini elaborò quindi dei concetti prestrutturalistici di “sistema” e “leggi di sistema”. Occorre però dire che lo strutturalismo in Italia nasce anche grazie all’importazione di Luigi Heilman.

La produzione di teorie semiotiche letterarie, quindi la nascita di coscienze interdisciplinari, vanno di pari passo con il movimento strutturalista appena importato, pertanto la produzione e l’importazione potevano distinguersi per la scelta delle ricerche di studio perché la prima ruotava intorno a oggetti equivoci. Ma, per fare in modo che queste ricerche fossero fruttuose, bisognava affidarsi a strumenti operatori, quindi a conoscitori dei concetti della linguistica strutturale. Ed è così che, verso la fine degli anni Sessanta, nasce la semiotica, una ricerca che si basa sulle tradizioni e sulle importazioni.